Maggiore prevenzione e nuovi stili di vita. Sono questi le armi migliori per combattere il rischio idraulico: lo dicono i veneti che, commentando il dissesto idrogeologico, puntano poi il dito contro l’eccessiva cementificazione e uno sviluppo disordinato del territorio.

Per ridurre l’impatto di queste calamità naturali, il 56,4% degli intervistati consiglia di garantire una costante manutenzione. Per il 37,8% del campione è inoltre molto importante incrementare le opere di prevenzione idraulica (37,8%). Seguono poi, a maggior distanza, altri aspetti come l’educazione delle persone a nuovi stili di vita e comportamenti (24,6%) ed il monitoraggio costante delle zone a rischio (24,5%).

Simonetta Rubinato ha auspicato che il prossimo governo regionale ponga a tema lo sviluppo sostenibile, per coniugare rispetto dell’ambiente con la valorizzazione delle risorse di cui il nostro territorio è ricco a fini economici e turistici.

Copyright 2021 – Comitato con Simonetta Rubinato | Via IV Novembre, 14/A, 31056 – Roncade (TV) | C.F. 94167810269